News

Presto una polizza RCA legata allo stile di guida

L'ANIA (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici) intende procedere con una riforma dell'intero sistema che tenga conto, per esempio, delle nuove forme di mobilità e dello sviluppo delle tecnologie. "Si tratta ora di continuare a combattere le frodi, ancora a livelli ben superiori rispetto alla media europea, e di ridurre un contenzioso elevato ma concentrato in poche aree", ha affermato Farina. "L’attestato di rischio dinamico, entrato in vigore in queste settimane grazie alla collaborazione con l’IVASS, segna un grande passo nella lotta alle frodi. Ma non basta. Occorre anche e soprattutto riformare il sistema, partendo dalle scale bonus-malus, ormai del tutto superate, passando a criteri che premino i comportamenti di guida di ciascun conducente". A tal proposito l'associazione sta studiano polizze legate allo stile di guida degli automobilisti con l'obiettivo di premiare i più diligenti. L'ANIA ha intenzione di avviare una fase di sperimentazione per preparare il segmento dell'RC auto a un mondo in cui le assicurazioni non saranno legate solo ai veicoli, ma anche ai guidatori e ai tempi di utilizzo delle auto. In tal caso si parla di assicurazioni istantanee e del loro uso nei nuovi servizi per la mobilità. "È l'istant insurance e partiamo nella sperimentazione con il car sharing. Ci sarà un'assicurazione di base sull'auto e il conducente dell'auto noleggiata, collegata alla scatola nera, al termine del noleggio pagherà per il tempo dell'utilizzo e per come l'ha guidata", ha spiegato Farina. Il test vedrà il coinvolgimento di un gruppo di assicurazioni del ramo danni e di società di car sharing.

05/07/2018